Festa del papà

Cosa regalare alla festa del papà?

Festa del papà. Lo so, sono in ritardo di un giorno e, come se non bastasse, parlo pure di cosa regalare al papà in occasione della “Festa del papà”.

In questo clima di incertezze è anche difficile uscire dalla porta di casa per trovare il giusto pensiero da fare al nostro babbo, quindi mi permetto solo di scrivervi due parole per raccontarvi com’è andata la mia festa del papà.

La sera del 18 sentivo i miei figli trafficare nella loro cameretta con la mamma, ancora svegli alle 21.30, tutti presi a costruire e a inventarsi qualcosa. Stavano realizzando il loro piccolo regalo per me. La mattina seguente verso le 8, ancora preso dal silenzio del mattino e delle mie pratiche mattutine, ho sentito dei piedini nudi e morbidosini avvicinarsi con circospezione, intenti a non farsi scoprire. Stavano cercando di farmi una sorpresa e, quando ormai mi erano vicinissimi, da dietro la loro schiena spuntarono dei magnifici disegni, ritagliati e fissati con la cucitrice in modo da formare una composizione a forma di biglietto di auguri. Il loro messaggio era: Ti vogliamo bene papà!

In quel momento ho realizzato che per loro è importantissimo vivere la festa del papà. L’idea che hanno del loro babbo è totalmente diversa dall’idea che io ho di me stesso. La mia è imperfetta, la loro è perfetta. Per loro il babbo è un eroe da seguire, da cui carpire i segreti e da guardare con stupore e ammirazione. Una sicurezza in caso di problemi, una certezza in caso di divertimento.

Non potevo non essere felice, perché la loro gioia era contagiosa. Se penso al ruolo che anche mio padre ha sempre giocato e gioca tutt’ora nella mia vita, mi rendo conto che è importante.

La mamma è la confidenza, l’accoglienza e la comprensione. Il babbo è il valore, il rispetto. È la spina dorsale. La fermezza e la chiarezza. La logica pratica nel districare i problemi e il consiglio fermo e pacato che rimane a vibrare anche a distanza di anni. Sono convito che, se riesco ad esser un adulto che sa camminare a testa alta anche nel bel mezzo delle difficoltà, lo devo ad un papà che non è si è fermato a mostrarmi le debolezze del mio essere, ma mi ha insegnato a guardare dritto verso il successo, superando le mie stesse incertezze.

Questo lo faccio anche con i miei figli: “Ricordate bimbi, siete perfetti anche con le vostre imperfezioni. Guardate i lati positivi di voi stessi e fate sempre del vostro meglio. Sarete sempre vittoriosi!”

Festa del papà

Quindi, cosa ho regalato a mio papà?

In realtà nulla. Il mio papà, nei giorni scorsi, stava cercando di tornare a casa da molto lontano e da un bel po’ fuori dall’Italia, proprio il giorno della festa del papà (ed ora credo che stia ancora riposando). Gli ho donato tanta assistenza per il viaggio e qualche saluto da lontano, e adesso chissà quando ci rivedremo viste le restrizioni che stiamo vivendo… Quindi, l’unico regalo che quest’anno mi sento di fargli è quest’articolo. Qualche riga, una manciata di parole per riconoscergli il merito di avermi dato una base salda per diventare, a mia volta, un papà presente. (Alla fine questo articolo aiuta a comprendere)

Durante la giornata sono stati festeggiati anche altri papà, tra cui il mio fantasioso, artistico, simpatico e buon suocero. Le sue tre figlie hanno ben pensato che, non potendo raggiungerlo, una delle migliori pasticcerie di Vicenza avrebbe sicuramente azzerato la distanza, portandogli una sbrodolosa e golosa torta per la sua festa.

Conclusione: la festa del papà

La giornata dedicata al papà è così preziosa che dovrebbe essere festeggiata ogni giorno. Ogni giorno dovremmo ricordarci del nostro papà, che ha ripetuto infinite volte le stesse cose, con pazienza e compressione, esortandoci a diventare forti e coraggiosi. Dovremmo ringraziarlo costantemente nel nostro cuore perché, rimboccandosi le maniche, ci ha insegnato a camminare, a leggere, ad andare in bici e a sorridere.

Ci sono papà presenti, papà assenti, papà che non hanno avuto la possibilità di stare con noi, altri che erano più mamme delle mamme. Ci sono papà stanchi e troppo presi da mille impegni, altri che trovano sempre il tempo di esserci e di giocare. Qualsiasi sia il papà che abbiamo avuto o che abbiamo, nel bene o nel male, ha fatto crescere degli esseri umani e, per quanto per alcuni di noi possa essere difficile amare profondamente il loro papà, va riconosciuto loro che sono sempre degli esseri umani e quindi vanno amati e compresi, rispettati e capiti. (10 motivi per essere un papà)

Alla fine, la via della comprensione e dell’amore è la sola che ci farà crescere e ritrovare il nostro vero essere. Quando comprendiamo che ogni cosa è perfetta e piena di luce, scopriremo che anche i nostri genitori sono, saranno e sono sempre stati perfetti.

Condividi

Scritto da

2 thoughts on “Cosa regalare alla festa del papà?”

  1. Anche da adulta la festa del papà è rimasta importantissima per me: continuo ad arrovellarmi anno dopo anno per fare un regalo veramente perfetto. Una volta è una maglietta di una squadra di calcio, la volta dopo un biglietto per una mostra, quella dopo ancora un kit per la brace: cerco sempre di trovare un accessorio su misura per le sue passioni!
    Quest’anno mi sono buttata su un dispositivo vaporesso per lo svapo: sta cercando finalmente di abbandonare le sigarette e voglio dargli una mano!

    1. È sempre un grosso enigma festeggiare e trovare il regalo per il papà. Con la mamma è più semplice. Spesso te la cavi con un bel mazzo di fiori! 🙂
      In qualche modo penso, che ad un papà, basta anche un bel abbraccio dai suoi figli, un bacino ed il gioco è fatto…
      Grazie Paola della condivisione

Scrivi una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *