Bravo papà

Un bravo papà sarà per sempre un bravo papà

Genitori e figli: la forza del papà

Qualche giorno fa, da buon papà, stavo camminando in centro a Vicenza con la mia famiglia. Il sabato o la domenica mattina ci piace fare colazione in Corso Palladio, tra i vecchi palazzi e il ciottolato di un centro storico che non ha nulla da invidiare a quello di famose città storiche italiane. (Spendo qualche riga per descrivere la mia bella Vicenza). Sei lì che passeggi in questo clima sereno, ricco di energia e particolarmente luminoso. Lasci l’auto nei parcheggi limitrofi a piazza Matteotti, passi davanti all’incantevole teatro Olimpico e ti avvii a respirare l’aria tranquilla della via principale: Corso Palladio. Passi e guardi i primi negozi, bar e librerie, tutti ricavati al pian terreno di qualche storico edificio palladiano. Sei lì che parli con tua moglie, scherzi con i bimbi e in un attimo ti ritrovi faccia a faccia con Piazza dei Signori, ed ogni volta è stupendo fermarsi a guardarla: circondata da palazzi che se ti metti con il naso verso l’alto a guardarli, rimani sempre a bocca aperta.

La Basilica Palladiana, la Loggia del Capitaniato, tutte opere del Palladio. Tutto questo fa da contorno ad una piazza che è sempre piena di colori e di allegria: bimbi che corrono, cani che passeggiano con i loro padroni, mimi, musicisti di strada ed ora anche le luci e lo splendido albero di Natale. Insomma, se passate vicino a Vicenza, concedetevi un caffè in Piazza dei Signori e fatevi due passi in Corso Palladio: non so perché e non so che cos’ha Vicenza, ma il suo centro storico ha l’abilità di rigenerare le fatiche, ridarti energia e rilassarti. W Vicenza!

Tornando a noi e ai nostri papà

In mezzo a tutti questi colori e persone, vedo un papà intendo a svolgere il suo ruolo. L’ho osservato per un po’, con amore e attenzione. Stava dando la pappa ad un piccoletto, tutto infagottato dentro al passeggino. Il bimbetto avrà avuto 5-6 mesi, il papà la mia età (quanti anni ho? Mah…). Guardandoli ho pensato che i papà sono davvero forti!

Come fareste, mamme di tutto il mondo senza di noi? (occhio che parte una guerra, ora qualche mamma mi oscurerà il blog…)

Tutto avvolto nella sciarpa, nel cappello, seduto sui gradini della Basilica. Era sorridente e sembrava felice e sereno di passare del tempo lì, da solo, con il suo pargolo. I papà sono incredibili e indispensabili.

Ci sono davvero tanti bravi uomini che si danno da fare per i loro figli. Papà presenti, che hanno voglia di giocare e divertirsi con la loro famiglia. Papà che cercano del tempo per fare una camminata con la piccola o costruire un nuovo lego (tipo questo che ho appena preso) con il loro pargolo. Recentemente ho avuto modo di rivedere anche alcuni vecchi compagni di scuola delle medie e, nel rivederci, abbiamo ovviamente parlato molto delle nostre famiglie, dei nostri bimbi e di come vanno le cose e anche lì ho avuto lo straordinario piacere di constatare che ci sono davvero dei bravi papà e delle buone famiglie in giro. Forse sempre meno, ma sapere che silenziosamente molti uomini fanno il loro dovere di papà è rassicurante.

Super papà genitore

Dico silenziosamente perché ho sempre pensato che la presenza maschile, l’energia maschile, sia molto silenziosa, ferma, rassicurante, profonda e stabile. È una sensazione sottile, come dire. Come quando osservando o pensando alle donne, la sensazione che mi trasmettono, è di creatività, curiosità, energia frizzantina, chiacchierona, insomma quell’opposto a noi che uniti fanno un tutto. Basti pensare allo Yin e Yang: Yin femmina e Yang maschio.

Per concludere vorrei complimentarmi con tutti quei papà che ci sono e che fanno crescere i loro piccoli in maniera sana, con regole e rispetto per tutto e tutti. Che si dedicano anima e corpo alla loro famiglia e che così facendo, crescendo i loro figli con dedizione, faranno di questo mondo un posto migliore. (Leggete anche Come farsi ascoltare dai bambini)

Ora, se sei mamma e hai un bravo papà al tuo fianco o ne conosci uno, condividi questo articolo con lui, digli che è un bravo papi. In fondo anche noi maschietti, duri e impavidi come siamo, abbiamo bisogno di coccole e rassicurazioni ogni tanto. Mica siamo nati papà… Vi pare?

Ciao e baci

Condividi

Scritto da

Scrivi una risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *